Disturbi Psicologici


Attacchi di Panico

L’attacco di panico è un’eccessiva reazione fisica e psichica dovuta a quello che noi percepiamo come un pericolo (ansia), anche se in realtà non è tale. Si distingue per tre caratteristiche principali:


  • • consiste in una intensa apprensione, paura e ansia;
  • • arriva di solito quasi improvvisamente;
  • • ha, generalmente, una breve durata.
Quando gli attacchi di panico sono ricorrenti, si parla di "Disturbo di panico".
Gli attacchi di panico sono molto diffusi, soprattutto tra i giovani. Circa il 30% della popolazione urbana soffrirà, almeno una volta nella propria vita, di un attacco di panico.
Gli attacchi di panico fanno parte dei disturbi d’ansia. La maggior parte degli studiosi ritiene che siano la conseguenza dell’interazione di pensieri, emozioni e processi fisici. In genere, un periodo o un evento particolarmente stressanti possono scatenare il disturbo in persone con una predisposizione genetica e psicologica ai disturbi d’ansia. Può succedere perciò che il normale livello d’ansia, per esempio a causa dello stress, cresca ed esploda in episodi di panico, più o meno intensi (vedi disegno). I motivi per cui le persone soffrono di attacchi di panico sono numerosi. Tra le cause più diffuse ci sono:
  • • la predisposizione genetica;
  • • lo stress;
  • • le preoccupazioni circa la propria salute;
  • • sentimenti spiacevoli causati, ad esempio, da problemi o difficoltà personali o professionali. Quando questi non vengono affrontati o non possono essere affrontati rimangono latenti, nel tempo, provocando un aumento dell’ansia che si potrà trasformare in panico.
Spesso gli attacchi di panico non sono preannunciati da nessun sintomo in particolare, arrivano improvvisamente e inaspettatamente, "a ciel sereno”. È questo il motivo per cui spaventano tanto. In realtà hanno sempre un fattore scatenante, anche quando non siamo in grado di riconoscerlo come tale.
I sintomi fisici più comuni sono:
  • • sensazione di soffocare;
  • • sensazione di groppo alla gola;
  • • sensazione di non riuscire a respirare, e quindi respirazione affannata;
  • • battito del cuore accelerato;
  • • dolori al petto;
  • • mal di testa;
  • • la sensazione di dovere andare al bagno;
  • • gambe molli;
  • • sudorazione eccessiva;
  • • vampate;
  • • senso di debolezza;
  • • vertigini;
  • • sensazione di confusione mentale;
  • • rossore.
Anche i nostri pensieri si modificano durante un attacco di panico. Le persone che hanno un attacco di panico temono che accadrà loro qualcosa di grave. Pensano, ad esempio, che moriranno, che impazziranno, che faranno una figura terribile… Pensieri come: "Avrò un infarto” o "Ora svengo” sembrano così reali nel momento dell’attacco di panico da far sì che alcuni arrivino a chiamare l’autoambulanza o vadano in ospedale. Questo modo di pensare contribuisce a peggiorare i sintomi e di conseguenza i pensieri ansiosi creando il circolo vizioso rappresentato qui sotto. Dopo aver provato una volta la spiacevole esperienza di un attacco di panico, la persona colpita teme ovviamente che possa accadere di nuovo. Si innesca, dunque, anche in questo caso, un circolo vizioso (vedi sotto) che può trasformare il singolo attacco di panico in un vero e proprio disturbo. Ad esempio, mentre stiamo guidando possiamo chiederci: "Che cosa succederà se avrò un altro attacco di panico ora?”. Il pensiero scatena in noi la sensazione di essere in pericolo, quindi l’ansia, e iniziamo a sentirci male.
La principale conseguenza degli attacchi di panico è la tendenza ad evitare tutte le situazioni o le persone ritenute pericolose. Le persone che soffrono di attacchi di panico cercano di fuggire il prima possibile dalla situazione o dalle persone che provocano loro malessere, evitano situazioni simili nel futuro, mettono in atto meccanismi che li rassicurino (portano con sé medicinali, se temono un attacco di cuore possono fermarsi completamente, se hanno paura di soffocare apriranno una finestra ecc.). È evidente che una simile modalità di comportamento sarà molto limitante per loro la vita. Senza considerare che potrà creare serie difficoltà nei rapporti interpersonali (familiari, di coppia, di amicizia, ecc.) perché la persona avrà la tendenza a evitare tutte quelle situazione percepite come ansiose (uscire per incontrare persone, prendere l’aereo, frequentare luoghi affollati, andare al ristorante ecc.). In alcuni casi potrà arrivare, man mano, anche a non uscire più di casa. La paura dell’imminenza di un nuovo attacco, inoltre, produce uno stato di tensione generale e di irritabilità diffusa. È stato anche stabilito che gli attacchi di panico sono correlati ad altri disturbi quali la depressione e l’agorafobia (paura di camminare per strada, degli spazi aperti come le autostrade…).
La terapia cognitivo-comportamentale è molto efficace nella cura degli attacchi di panico. Studi condotti in diversi paesi dimostrano che più dell’80% delle persone si libera degli attacchi di panico dopo un breve periodo di terapia. Il panico influenza il nostro corpo, i nostri pensieri e le nostre azioni. Per questo la terapia cognitivo-comportamentale interviene in ognuna di queste tre aree.